Perché i professionisti online sono sempre impegnati? Come ottimizzare il tempo

19 Settembre 2019

Tieni al tuo tempo (ma non a quello degli altri)

Inizialmente il mio approccio alla gestione del tempo consisteva nello spiegare a clienti e collaboratori che determinate scelte, come ad esempio il prenotare gli appuntamenti anziché chiamarci in qualsiasi momento della giornata, erano date dal fatto che per rispondere al telefono avrei dovuto interrompere qualsiasi cosa stessi facendo, mancando di rispetto ai miei clienti.

Inutile dirti che la cosa non ha mai funzionato.

Il problema più grande di quando si lavora remotamente è che le persone attorno a te, non appena smettono di sentirti, iniziano a farsi le idee più disparate su come tu te la stia beatamente spassando senza far nulla, mentre navighi nel denaro che ti è stato pagato neanche fossi Zio Paperone.

È per questo motivo che, se inizi a farci caso, noterai sicuramente anche tu che nell’80-90% dei casi il motivo di una telefonata non è mai ben definito. È solo che il cliente dall’altra parte vuole avere le sue rassicurazioni su come le cose stanno andando e su quanto sodo stai lavorando per lui (e purtroppo, quando questo succede, in molti casi si delinea anche una mancanza di fiducia).

Personalmente, ho provato mille modi differenti per far capire che le mie scelte non sono soltanto per salvaguardare il mio tempo, ma anche quello del cliente, senza però avere mai successo.

Ho quindi sviluppato una filosofia molto precisa: se gli altri non tengono al proprio tempo, perchè dovrei tenerci io? Meglio focalizzarmi sul MIO di tempo, che è sacro e mi consente di lavorare con degli obiettivi ben precisi in mente.

So che può sembrare un po’ egoistico, ma ci sono tantissime persone valide con cui vale la pena di lavorare che tuttavia hanno questa grandissima pecca, ed escluderle a prescindere non renderebbe loro giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.