Passaggio da Macbook Pro a Surface Pro 6: ecco la mia recensione

13 Novembre 2018

La batteria

Sono alquanto soddisfatto della durata della batteria del Surface Pro 6 e posso affermare con certezza che resiste le 8-10 ore promesse da Microsoft ad utilizzo sostenuto e senza usufruire di videogame o video in streaming per tutto il tempo.

Una cosa che ho apprezzato molto, che deriva in realtà da Windows 10, è la possibilità di regolare al volo direttamente dalla barra degli strumenti il rapporto tra performance e durata della batteria, consentendo sempre di raggiungere il compromesso perfetto in base a ciò che si sta facendo.

La cosa che invece non apprezzo, e che accade da sempre anche sul mio Macbook Pro, è la batteria che inizia a scaricarsi un pelino anche quando il portatile è chiuso e non in utilizzo. Questa cosa sul mio dispositivo Apple non sono mai riuscito ad indirizzarla al 100%, ma ritengo che abbia a che fare con qualche software in particolare che uso che non fa andare completamente in sleep il sistema operativo.

L’usabilità

Su internet si dice che il Surface Pro sia il miglior ibrido tablet/portatile: mi sento assolutamente di confermarlo. Questo è senz’altro il punto in cui il Surface splende.

Viaggiando molto, mi trovo spesso in treni regionali o aerei targati Ryanair dove a stento si ha lo spazio per stendere i piedi, figuriamoci per aprire il proprio laptop su quel minuscolo tavolino.

Ma la possibilità di usare il Surface in modalità tablet (ripiegando quindi la Type Cover) senza dover rinunciare alla potenza di un sistema operativo completo per me non ha rivali. Passo costantemente da una modalità all’altra e, credimi, finchè non la provi direttamente non ne potrai mai apprezzare i vantaggi.

Una cosa che invece ritengo sia superiore nella controparte Apple rispetto al Surface è invece il trackpad: ancora troppo, troppo impreciso. Nulla a che vedere con quello del mio Macbook Pro, anche a livello di gesture e di fluidità nell’utilizzo.

Non so quanto possa dipendere dall’hardware e quanto dal software, ma per farti capire: sul Macbook Pro ci usavo Photoshop con il trackpad, riuscendo a fare anche lavori abbastanza minuziosi. Sul Surface ritengo invece che questo sia impossibile, a tal punto che Photoshop non ce l’ho nemmeno installato.

2 risposte

  1. Ciao Marcello!

    Ho letto il tuo articolo, con un anno di ritardo ma ancora attuale. Sto valutando l’acquisto di un macbook pro early 2015, 256 ssd , 16gb di ram, 3,1 ghz. Trovato usato a 950 euri. Con poco di più circa 150 euro potrei valutare di un altro usato, il surface 6 con stessa ram ma piu hd.

    Quello che più mi attira del sistema apple è la fluidità, rispetto a microsoft. Di contro la portabilità stile table sarebbe molto comoda. Te che consigli hai per me?

    Un tuo omonimo,
    Marcello

  2. Ciao Marcello 🙂

    Dipende molto dalle tue esigenze. Tu che bisogno hai principalmente?

    Scusami se rispondo così tardi, sono stato a Tokyo per una settimana e non ho seguito spesso il sito.

    A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.